Nuovi incentivi per la sicurezza nelle aziende – OT/24: riduzione del tasso INAIL entro il 29 febbraio 2012.

Nuovi incentivi per la sicurezza nelle aziende – OT/24: riduzione del tasso INAIL entro il 29 febbraio 2012.

Sicurezza in azienda – bando InNAIL da 150 Milioni di Euro

E` pronto per la pubblicazione il bando Inail che assegnerà 150 milioni di euro a supporto degli investimenti in sicurezza delle imprese, le cui Linee Guida, sono state approntate dal consiglio di indirizzo e di vigilanza dell`Istituto Nazionale per gli infortuni sul Lavoro nello scorso agosto.

Tante le novità relative alle regole per l`assegnazione dei contributi. Unica corrispondenza con l`avviso dell`anno passato è la modalità di richiesta dei benefici che resta quella “a sportello”.
In sintesi a seguire le caratteristiche del bando. Le istanze potranno essere proposte con termini di scadenza differenti a seconda della Regione, al fine di evitare la congestione del sistema. Sarà stabilito un termine per il salvataggio delle domande antecedente allo svolgimento delle procedure, in modo da permettere all`Inail di valutare la tipologia e i bisogni espressi dalle richieste e dimensionare in maniera corrispondente i sistemi informatici. Saranno attivate procedure che escludono l`utilizzo di strumenti per l`invio telematico plurimo della istanza, per evitare che ci siano oltre 2 milioni di collegamenti a fronte di sole 20 mila domande pronte per la presentazione, come è avvenuto nel primo bando. I fondi saranno erogati solo per investimenti e per l`adozione di modelli di organizzazione e gestione, non per la formazione. Il contributo sarà uniformato in tutte le regioni al 50% dell`investimento, con un massimale di 100 mila Euro, per offrire un sostegno generalizzato al maggior numero di beneficiari possibile.

L`Inail ha, inoltre, stabilito, che saranno selezionati degli ambiti prioritariamente ammissibili: la Relazione programmatica 2012-2014 dello scorso giugno ha, infatti, già dato indicazione di privilegiare la micro, piccola e media impresa, le imprese agricole, i settori produttivi a rischio più elevato, i progetti reiterabili in più aziende dello stesso comparto produttivo, i progetti destinati alla riduzione del rischio di esposizione all`amianto, i progetti condivisi dalla parti sociali. Sarà individuato un termine di almeno 60 giorni lavorativi, tra l`indizione dei bandi e i “click day”, per consentire l` elaborazione di progetti di elevata complessità. In un`ottica di semplificazione, sarà introdotto l`utilizzo della posta elettronica certificata per le comunicazioni relative alla partecipazione alle selezioni, consentendo alle aziende partecipanti anche la domiciliazione della corrispondenza per il tramite delle associazioni datoriali o degli altri intermediari.

Per quanto riguarda le imprese che hanno già usufruito in precedenza degli incentivi, saranno fissati dei tempi di esclusione dalla partecipazione ai successivi bandi. Le Linee Guida hanno, inoltre, previsto in via sperimentale, per sostenere le piccole e micro imprese, comprese quelle individuali, uno specifico strumento e un`apposita dotazione finanziaria ancora da stabilire, una specifica modalità di incentivazione “a graduatoria”, pari al 50% dell`investimento fino a un massimale di 50.000 Euro. Nello specifico tale misura è riservata ai progetti di comparto, di filiera, di distretto che, benché proposti da singole imprese, presentino caratteristiche di replicabilità asseverate dalle organizzazioni comparativamente più rappresentative nell`ambito del sistema contrattuale di riferimento; ai progetti che intervengono sui rischi comuni a una pluralità di imprese, che possono essere definiti “progetti di rete”, individuando, in tal caso, il soggetto capofila promotore; ai progetti di innovazione tecnologica per gli impianti, le macchine e le attrezzature, con particolare riferimento alle imprese agricole.

Questo strumento, ovviamente prevederà l`esclusione delle aziende che abbiano ottenuto incentivi riferiti ai bandi Inail 2010 o 2011. La progettazione dell`intervento sperimentale dovrà essere immediatamente avviata al fine di poter verificare, entro l`approvazione dell`assestamento di bilancio 2011, la possibilità di impegnare la relativa dotazione finanziaria entro il corrente esercizio.

La modalità di richiesta dei benefici resta quella a sportello. L`importo massimo del contributo erogabile é pari al 50 per cento dell`investimento, con un importo massimo di 100 mila Euro.

Sarà data la priorità alle Pmi e ai settori di attività più rischiosi.

ulteriori informazioniu sul sito Necsi.it

Potrebbe interessarti anche

Alessandro Pratelli

Perito aeronautico, calsse '72. Lavora come redattore tecnico dal 1995 poi fonda AP Publishing. Appassionato di Direttive e norme tecniche. La frase che preferisce? "Se non alzi mai gli occhi, ti sembrerà di essere nel punto più in alto".

No Comments

Post A Comment