Come l’impaginazione professionale può aiutare redattore e traduttore

Come l’impaginazione professionale può aiutare redattore e traduttore

L’impaginazione! Quella cosa strana che fa si che un documento quando lo apri e lo rielabori ti fa risparmiare tempo ed errori!
Quanti manuali e documenti vediamo impaginati male, senza senso, senza logica, senza stili, senza gusto.

Impaginazione: un mezzo per velocizzare il lavoro

L’impaginazione è grafica, è il vestito del manuale, un bel vestito oppure degli stracci. Pensiamo all’impaginazione come grafica ma anche come mezzo per velocizzare il lavoro, ovviare ad errori, automatizzare e far lavorare meglio chi farà le traduzioni.

Occorre pensare fin dalla redazione del documento se questo dovrà essere tradotto. Perché? Per calcolare gli spazi utili alla lingua target (la traduzione).
Chi ha a che fare con la documentazione tecnica conosce bene questo problema: pensiamo al Tedesco, in generale molto più lungo dell’italiano. L’inglese al contrario molto più corto. Ed ecco che saltano i paragrafi nelle pagine successive, le orfane e vedove si manifestano, le immagini si sovrappongono.

Convertire un file PDF in uno Word

Per avere una idea di cosa sia l’impaginazione, provate a prendere un documento PDF magari a colonne, in cui ci sono tabelle a fianco di immagini, paragrafi a due colonne e dopo un paragrafo ad una sola colonna, nella medesima pagina e provate a convertirlo in Word. Adesso provate a cambiare una parola o un paragrafo intero con un testo più lungo o più corto e vedete come si comporta il testo nel resto della pagina. Se non trovate il bandolo della matassa, ecco, questi sono i problemi legati ad una impaginazione non funzionale né per la modifica della lingua source (quella di partenza, di redazione) né per la gestione della traduzione (lingua target).

Parlo di Word, ma si applica a tutti i software di impaginazione. Parlo di Word perché è sul computer di tutti. Tutti aprono Word e scrivono. Compare il foglio bianco, scrivo il titolo lo faccio di 14pt, colore blu, grassetto… anche il corsivo… anche il font bello che ho scaricato da Internet fatto da un grafico, gratuito. Poi scrivo il testo e magari faccio un rientro del testo con gli spazi o lo centro con gli spazi. Lo stesso posso fare con tabelle e immagini. Poi arriva la richiesta di traduzione, il testo non è più centrato perché la traduzione è più lunga, la tabella ha la cella troppo stretta, l’immagine si è spostata e va fuori dai limiti del testo… già ma dove saranno i limiti del testo! Perché l’intestazione è cambiata da sola!

Lavorare con i segni di formattazione visibili

Come vedete dalle immagini, occorre lavorare con tutti i “segni” di formattazione visibili, altrimenti come le scopriamo le magagne!
Quando arriva una richiesta di traduzione e ci perviene un PDF, possiamo fare un conteggio delle parole, ma occorre vedere il file sorgente se c’è, altrimenti occorre vedere come sarà convertito il PDF o come sarà rielaborato dal software CAT e dagli strumenti di conversione. Il lavoro per la traduzione sarà accompagnato da un lavoro di pre-editing in modo da impaginare la traduzione più facilmente.

Abbiamo capito che l’impaginazione se non la si sa fare può comportare tempo e grattacapi. Affidarsi a persone competenti può facilitare tutto il processo di pubblicazione della documentazione, limitare i ritardi (la traduzione arriva l’ultimo giorno e devo impaginarlo!), i costi (se ci metto 4 ore anziché una), stress e uscita fuori orario dall’ufficio.

Possiamo fornire ai nostri clienti un servizio di sola impaginazione oppure formare il personale nell’uso corretto dei template di impaginazione, degli stili di carattere, paragrafo, tabella, oggetti e l’uso di layout di impaginazione con griglie e quant’altro.

Tutto con un occhio professionale e dedicato alla documentazione tecnica.

Potrebbe interessarti anche

Alessandro Pratelli

Perito aeronautico, calsse '72. Lavora come redattore tecnico dal 1995 poi fonda AP Publishing. Appassionato di Direttive e norme tecniche. La frase che preferisce? "Se non alzi mai gli occhi, ti sembrerà di essere nel punto più in alto".

No Comments

Post A Comment